Il 24 Ottobre 2017, il Ministero dello sviluppo Economico, ha finalmente pubblicato il bando che mette a disposizione delle piccole e medie imprese, 100 Milioni di Euro da investire nella digitalizzazione. Le aziende che presenteranno la richiesta, potrebbero avere la possibilità di accedere ad un Voucher utile a coprire il 50% delle spese da sostenere, ma che comunque, non potrà superare l’importo massimo di 10.000€.

Chi può richiedere il voucher?

Il voucher può essere riconosciuto alle micro, piccole e medie imprese, qualsiasi sia il loro settore merceologico, escluse quelle operanti nei settori di produzione primaria (ad esempio, prodotti agricoli, della pesce e acquacoltura).

I liberi professionisti possono presentare la domanda di accesso al voucher?

I liberi professionisti possono presentare la domanda di accesso al voucher, se al momento della richiesta risultano iscritti al Registro delle imprese.

Qual è l’importo del voucher?

L’importo del voucher riconosciuto non potrà essere superiore a 10.000€, e non sarà possibile cumularlo con altre agevolazioni pubbliche finalizzate allo stesso obiettivo.

Quando sarà possibile inviare la domanda per ottenere il voucher?

La domanda per ottenere il voucher potrà essere inviata esclusivamente per via telematica, utilizzando un indirizzo di Posta Elettronica Certificata attiva ed inserita nel Registro delle Imprese. Basterà accedere al sito web del Ministero ( www.mise.gov.it ) a partire dalle ore 10:00 del 30 Gennaio 2018 e fino alle ore 17:00 del 9 Febbraio, e compilare la domanda seguendo le istruzioni riportate.

Quali sono le spese per cui può essere utilizzato il voucher?

Il voucher può essere utilizzato per:

  1. Migliorare le prestazioni della propria azienda (realizzazione di e-commerce, acquisto di materiale tecnologico, ecc.);
  2. Acquistare prodotti che favoriscano il collegamento alla rete internet (decoder, parabole);
  3. Partecipare a corsi di formazione qualificata.

Cosa occorre per l’invio telematico della domanda?

All’avvio della procedura telematica sul sito del Ministero, sarà richiesta un’autenticazione tramite la Carta Nazionale dei Servizi, che può essere richiesta presso Regioni, Comuni o anche organismi privati, i quali la rilasciano a titolari di impresa.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.